Reindirizza in secondi
Australia-Rally_597x350

27° RALLY DI AUSTRALIA

UNA STAGIONE CHIUSA IN CRESCENDO

Citroën Total Abu Dhabi WRT, sul podio in Australia per la quinta volta nella stagione grazie a Mads Ostberg e Torstein Eriksen, ha dimostrato ancora una volta la sua crescita nella seconda metà dell’anno.

IL FILM DELLA GARA

Mads Ostberg, cresciuto sulle strade scandinave fatte di salite e discese, apprezza particolarmente i rally dal profilo rapido e scorrevole, e l’Australia è proprio uno di questi. Il norvegese, la cui ultima partecipazione è stata in Gran Bretagna, si è posizionato in testa subito alla gara con uno scratch nella PS 3 – Sherwood (26,68 km), la speciale più lunga di venerdì, rimanendoci fino a fine giornata. Anche Craig Breen è andato molto bene in questa prima giornata. Secondo, dietro al compagno di squadra al primo passaggio di Sherwood, ha vinto lo stage al secondo passaggio, confermando il grande equilibrio della C3 WRC su questo terreno molto difficile da trovare nelle prove in Europa. In qualità di ottimo ex pilota di kart, si è dimostrato a suo agio nei due passaggi nella super speciale, prevalentemente asfaltata, concludendo in seconda posizione. Ma all’inizio del giorno successivo, la sua gara ha preso una piega diversa soprattutto a causa dell’acceleratore bloccato, poi per un piccolo errore che ha causato il danneggiamento della sospensione posteriore sinistra, che lo hanno portato in decima posizione. Mads invece, ha cercato di resistere alla concorrenza scatenata, senza mai cedere la testa della gara fino alla terza crono (PS 11) della seconda giornata. Nonostante un primo passaggio nella super speciale (PS 17) sotto alla pioggia, al contrario dei suoi due diretti rivali, la sua costanza e il suo impegno sono stati ricompensati, e sabato sera era a un passo dal podio. Il suo quarto posto, a solo 20”3 dalla posizione che lo precedeva, gli dava ancora delle speranze prima di una tappa annunciata come “dantesca” a causa delle violente perturbazioni meteorologiche. Infatti si è dimostrata fatale per due dei pretendenti al titolo mondiale, ma Mads, in grande feeling con la sua C3 WRC su una superficie a volte simile a una pista di pattinaggio, non si è fatto intimorire. Si è messo subito al riparo da ogni possibile recupero degli avversari, prima di approfittarne per salire in terza posizione nel penultimo settore cronometrato, e firmare il suo secondo podio dell’anno, dopo il secondo posto in Finlandia. La sua performance ha permesso a Citroën Total Abu Dhabi WRT di essere nel trio di testa per la quinta volta nella stagione, dopo Svezia (2°), Messico (3°), Finlandia (2°) e il successo spagnolo. Craig Breen e Scott Martin hanno raggiunto l’arrivo in settima posizione.

Rallye-Spain_597x350

54° RALLY DI SPAGNA

VITTORIA STORICA!

Con la 79ª vittoria della loro straordinaria carriera nel rally, al termine di un Rally di Spagna all’attacco, Sébastien Loeb e Daniel Elena hanno permesso a Citroën Total Abu Dhabi WRT di tornare a vincere, confermando il valore di una squadra che non si è mai data per vinta.

IL FILM DELLA GARA

Prima di domenica, l’unica volta in cui Sébastien Loeb aveva fatto un salto mortale all’indietro su un podio era stato al Tour de Corse 2004 per festeggiare il primo titolo mondiale. Un gesto con cui l’ex ginnasta ha confermato la portata storica di una vittoria conquistata al termine dell’ultima prova in programma per il suo ritorno part-time di quest’anno, sei anni dopo la sua ultima stagione completa nella disciplina. Nonostante le otto vittorie consecutive (dal 2005 al 2012), era dal 2012 che non partecipava al Rally di Spagna, ma i tre migliori tempi in Messico, dove è stato anche in testa, e gli altri tre della Corsica, facevano ben sperare. Con il prezioso contributo del fedele Daniel Elena, il nove volte campione del mondo della specialità è riuscito nell’impresa: dimostrando ancora una volta la sua grande capacità di adattamento, con il supporto del team ha affinato gradualmente il set up della C3 WRC, chiudendo la prima parte su terra al quarto posto, a soli 0’’5 dal terzo e a 3’’4 dal secondo, e siglando prima un terzo tempo (+2’’0) e quindi un secondo (+2’’9) nella speciale decisiva di La Fatarella – Vilalba (38,85 km). Nel frattempo, Craig Breen, prima al quinto posto a soli sette decimi dal compagno di squadra, ha chiuso in ottava posizione dopo un testacoda. Ma per Loeb la parte più difficile doveva ancora venire: sabato ha dovuto adattarsi in fretta all’asfalto, oltretutto bagnato, e gestire condizioni che non affrontava da cinque anni in questa disciplina. E ancora una volta, non c’è stata gara per nessuno: dopo un primo giro d’osservazione, nella fase più intensa della lotta per il titolo piloti, uno scratch nella PS  12 (21,26 km) l’ha portato al terzo posto, a soli 3’’3 dal secondo e a 8’’0 dal primo. Craig Breen, invece, è sceso in nona posizione, dopo altri due testacoda.

A questo punto, era evidente che l’ultima tappa sarebbe stata decisiva per il podio finale, e Citroën Total Abu Dhabi WRT ha piazzato subito un colpo da maestro! Il team è riuscito a prevedere che le strade si sarebbero asciugate, così Sébastien Loeb ha optato per quattro gomme slick hard per il primo giro. Due scratch più tardi, è tornato all’assistenza di metà giornata al comando, con 7’’1 di vantaggio sul secondo! Nonostante un piccolo errore (spegnimento del motore a una rotonda della PS 17), il pilota alsaziano ha tenuto duro fino alla fine, conquistando con un margine di 2’’9 la sua 79ª vittoria in WRC, a cinque anni dall’ultima (Argentina 2013). Grazie a quest’incredibile performance, il Double Chevron ha ottenuto il primo successo della stagione, il 99° della sua ricchissima esperienza nel campionato del mondo. Craig Breen ha chiuso al nono posto, mentre Khalid Al Qassimi ha portato a termine la sua ultima partecipazione dell’anno in ventunesima posizione, migliorando molto su terra e continuando a prendere confidenza con l’asfalto.

Wales-Rally_597x350

44º RALLY DI GRAN BRETAGNA

A UN PASSO DAL PODIO

Dopo la lunga battaglia per il podio di Craig Breen, Citroën Total Abu Dhabi WRT torna dalla Gran Bretagna con la soddisfazione di aver dimostrato anche questa volta la competitività della C3 WRC, su un terreno in cui è necessario adattarsi costantemente alle variazioni di aderenza.



IL FILM DELLA GARA

Il rally di Gran Bretagna ha una caratteristica: su questa superficie impregnata di acqua, è preferibile partire dalle prime posizioni, prima che la strada diventi letteralmente una pozza di fango. Mads Ostberg e Craig Breen, rispettivamente in decima e undicesima posizione di partenza venerdì, praticamente ultimi nel WRC, non erano affatto favoriti. Tuttavia, Breen, rassicurato dalla motricità e dalla precisione della sua C3 WRC, ha messo in atto una vera offensiva per rimanere nel gruppo di testa, concludendo a meno di 13” dal quarto. Ostberg invece, più cauto viste le condizioni, è arrivato ottavo. Craig Breen ha confermato nuovamente le sue ottime prestazioni sabato, avvicinandosi a meno di due secondi dal podio a fine giornata, dopo aver segnato due secondi tempi nel pomeriggio (PS 15 e 18). Mads Ostberg ha reso la performance del team ancora più efficace, risalendo fino alla quinta posizione, vincendo uno scratch, e facendo una clamorosa serie di tre secondi tempi consecutivi (PS 12, 13 e 14). Inutile dire che i piloti Citroën Total Abu Dhabi WRT erano decisi a combattere nelle prime file fino alla fine. Sono partiti subito all’attacco domenica mattina, su queste piste sempre molto scivolose. Escluso dalla lotta per il podio per un piccolo errore, Breen è comunque riuscito a conquistare un meritevole quarto posto. Mads Ostberg, in seguito ad un testacoda, si è dovuto invece accontentare dell’ottava posizione.

Turkey_597x350

1º RALLY DI TURCHIA

UNA LEZIONE PER IL FUTURO

Ancora una volta competitiva, la C3 WRC, ha purtroppo visto, come anche le rivali, la sua solidità messa a dura prova dalle ripetute aggressioni di un terreno particolarmente impegnativo.



IL FILM DELLA GARA

Questo weekend è stato quello delle “prime”: prima del rally di Turchia in versione Marmaris nel campionato, prima volta che Craig Breen conduce una manche mondiale. Venerdì l’irlandese è stato il più veloce sugli oltre trentotto chilometri della crono d’apertura. Con un approccio calmo e bilanciato, ha concluso il primo giro in seconda fila, a solo 6”3 dal leader, seguito come un’ombra da Mads Ostberg, terzo a 8”2, partito bene anche lui, come dimostra il secondo tempo realizzato nella PS 3, a 2”1 dal leader del campionato su circa ventidue chilometri. Nonostante l’attenzione per evitare gli ostacoli più pericolosi, entrambi i nostri equipaggi si sono scontrati con le forature nel pomeriggio.

Mentre Breen passava in ottava posizione dopo due forature, Ostberg, che era quinto, ha subìto la rottura di uno dei bracci della sospensione a causa dell’aggressività del terreno, e Khalid Al Qassimi è stato fermato da un’anomalia del turbo. Ma i percorsi di sabato si sono rivelati ancora più complicati per tutte le WRC di nuova generazione, che ancora non avevano provato un simile test di resistenza dal momento della loro comparsa lo scorso anno. Il Citroën Total Abu Dhabi WRT purtroppo non ne è uscito illeso. Bisogna ammettere che le strade si sono deteriorate in fretta, hanno lasciato subito comparire pietre taglienti e altre rocce, in pratica non hanno retto alla potenza delle vetture WRC. Mads Ostberg si è fermato per una panne al turbo, mentre Craig Breen, rimontato in sesta posizione nonostante un ordine di partenza sfavorevole (2°), è stato costretto al ritiro dopo che l’auto ha preso fuoco. Ma domenica il rally si è concluso con una nota positiva, con tre secondi tempi consecutivi per Mads Ostberg, mentre Khalid Al Qassimi ha garantito alcuni punti per il campionato costruttori.

Germany_597x350

16º RALLY DI GERMANIA

ALTA COMPETITIVITÀ PENALIZZATA DALLA SFORTUNA

In Germania, anche se non ha centrato gli obiettivi, Citroën Total Abu Dhabi WRT ha dimostrato le qualità della C3 WRC con uno scratch ed una serie di prestazioni di alto livello.



IL FILM DELLA GARA

In Germania, dove l’anno scorso aveva conquistato il posto d’onore, la Citroën C3 WRC ha evidenziato ancora una volta il suo potenziale, purtroppo non ripagato dal risultato finale. Va detto che Craig Breen, già penalizzato il venerdì dall’ordine di partenza (10°) su strade che si deteriorano velocemente, è stato uno dei pochi ad affrontare un temporale locale particolarmente violento (PS 3) che gli è costato una quindicina di secondi e il piazzamento all’ottavo posto al termine del primo giorno. Undicesimo posto per Mads Ostberg, in fase di conoscenza con la C3 WRC su questo fondo che conosce poco, dopo un testacoda (PS3) e un piccolo problema al motore nel pomeriggio.

Craig Breen ha effettuato una bella rimonta il sabato nella tappa più difficile del week end, che prevedeva due passaggi nel campo militare di Baumholder su cemento a gobbe, e ha conquistato uno scratch (PS 11) e buoni tempi nelle crono. Tornato in sesta posizione, immediatamente alle spalle del quinto, ha commesso purtroppo un errore nell’ultima PS del giorno, che lo ha fatto retrocedere in decima posizione, dietro a Mads Ostberg in recupero, come dimostra il terzo tempo ex aequo con il futuro vincitore del rally nella PS 11. Purtroppo, la domenica è stata fatale al Norvegese del team Citroën, con un’uscita di strada alla ripresa delle ostilità; Craig invece ha ritrovato il feeling concludendo settimo, dopo essersi distinto nella Power Stage con un quarto tempo, nella lotta per l’attribuzione dei punti bonus.


Finland_597x350

75º RALLY DI FINLANDIA

Un rally di Finlandia all'altezza della sua fama

Anche se non sono riusciti a concretizzare, per un passaggio al Rally 2 nelle prime fasi della gara, Stéphane Lefebvre e Gabin Moreau hanno fatto registrare tempi molto promettenti, mostrando il potenziale della C3 R5 su una prova unica nel suo genere, chiudendo al tredicesimo posto del WRC2.



IL FILM DELLA GARA

Spesso servono diverse partecipazioni a questo rally così sui generis per imparare a gestirne tutte le caratteristiche. L’edizione 2018 si è dimostrata ancora una volta all’altezza della sua reputazione. Dopo essere finito su un argine uscendo da un incrocio, Stéphane Lefebvre ha perso parte dell’assale posteriore nella PS 2, ed è stato costretto a passare al Rally 2 per poter riprendere la gara il sabato. Il ventiseienne francese ha quindi cercato di riprendere il controllo della situazione e di effettuare una sessione di prove “sul campo”, trovando gradualmente il ritmo giusto. Alla seconda crono della giornata, ha ottenuto un sesto posto in WRC2 (+ 6”2 su 14,90 km) lottando con piloti di casa particolarmente agguerriti, per poi aumentare il ritmo e chiudere al secondo posto la PS di Kakaristo, a soli 7”3 di distacco su ventiquattro chilometri. Una speciale che non è altro che la versione moderna della leggendaria e temutissima Ouninpohja, dove ha dimostrato ancora una volta tutte le potenzialità della C3 R5 su un terreno che affrontava per la prima volta. Stéphane Lefebvre ha continuato la gara cercando di acquisire insegnamenti preziosi per il futuro, realizzando tempi molto promettenti e chiudendo in tredicesima posizione del WRC2. Per il secondo rally con la C3 R5 dopo l’esperienza della Sardegna, Simone Tempestini, vincitore di Citroën Ultimate Challenge 2017, ha acquistato man mano sempre più sicurezza su queste strade ultra veloci, siglando un sesto tempo nella PS 9, prima di uscire sfortunatamente di strada nella PS 14 di sabato. Gli ingegneri e i meccanici di Citroën hanno fatto un piccolo miracolo lavorando fino a tarda notte, consentendogli di tornare in gara la domenica e chiudere al nono posto del WRC2.


Rallye-Italie-Sardaigne_597x350

15° RALLY DI ITALIA SARDEGNA

TANTI PUNTI PREZIOSI PER IL TEAM

Al Rally Italia Sardegna, dopo essersi trovati subito a dover difendere le proprie posizioni, gli equipaggi di Citroën Total Abu Dhabi WRT si sono dimostrati affidabili e concreti, conquistando il quinto e il sesto posto finale.



IL FILM DELLA GARA

Fare un buon risultato nella prima giornata su terra è determinante. Altrimenti, con l’inversione della classifica per definire l’ordine di partenza degli altri due giorni di gara, ci si ritrova a dover liberare la strada dalla polvere per gli avversari che seguono. Con la pioggia imprevista di venerdì, evento piuttosto raro in questo periodo dell’anno sull’isola, per Citroën Total Abu Dhabi WRT le cose si sono immediatamente complicate: in questa situazione, non è mai un vantaggio partire tra gli ultimi del plotone delle WRC (8° posto per Craig Breen e 10° per Mads Ostberg) su strade dove il fango si accumula passaggio dopo passaggio. Ma il team non si è dato per vinto, come dimostrano i due tempi siglati da Mads (PS 2 e 9) al culmine della bagarre, a testimonianza dei progressi fatti dal pilota nella gestione della sua C3 WRC. Però una serie di piccoli contrattempi per Mads (urto contro una roccia in PS4) e per Craig (dritto in PS 2, tre spegnimenti motore in PS 6, dritto in PS 7), abbinati a una scelta di pneumatici non proprio ottimale nei due passaggi della crono di Tergu – Osilo, ha impedito di andare oltre il quinto e il settimo posto di venerdì. Tornato il bel tempo, il fondo si è asciugato. Costretti a fare da apripista sabato e domenica, hanno potuto solo cercare di mantenere le loro posizioni, giocando sul sicuro e imbarcando due ruote di scorta sabato pomeriggio, su PS famose per mettere gli pneumatici a dura prova.

Nonostante la posizione sfavorevole, Mads Østberg ha fatto di tutto per mettere sotto pressione il pilota che lo precedeva al quarto posto, prima di arrendersi all’evidenza e chiudere quinto, ottenendo comunque il suo miglior risultato con la C3 WRC, dopo due seste posizioni in Svezia e Portogallo. Nel frattempo Craig Breen ha fatto una prestazione di tutto rispetto, realizzando un sesto posto e portando a casa molte informazioni utili su una prova in cui accusava una certa inesperienza rispetto agli avversari.


Top